Come scegliere il frigorifero per la propria cucina: suggerimenti utili

Come scegliere il frigorifero per la propria cucina: suggerimenti utili
Novità su elettrodomestici Alessia Andreozzi

È l'elettrodomestico principale della casa, quello di cui proprio non se ne può fare a meno. Parliamo del frigorifero, strumento indispensabile per la conservazione degli alimenti e delle bevande. In commercio esistono numerosi modelli, ma solo uno sarà perfetto per le tue esigenze. Prima ancora di capire quale sia la tipologia di frigo che meglio si adatta alla tua cucina, dovresti avere ben chiare le caratteristiche fondamentali che ogni refrigeratore dovrebbe avere. Vediamo insieme, dunque, come scegliere il frigorifero per la propria casa.

Capienza | Rumorosità e sicurezza | Sistema No Frost | Sistema di Raffreddamento | Classe energetica

Principali caratteristiche dei frigoriferi: ecco cosa tenere in conto

Capacità e numero di porte

La capienza di un frigorifero è la prima opzione da valutare quando si sta per effettuare un acquisto di questo genere. La capacità, in questo caso, è espressa in litri ed è indice della quantità di alimenti che possono essere conservati all'interno dell'elettrodomestico. Ovviamente, molto dipende dalla composizione del nucleo famigliare. Se sei single, ti basterà una capienza di circa 100/150 litri. Diverso è il discorso, invece, se il tuo nucleo famigliare è composto dalle 2 alle 4 persone: in tal caso, la capacità dovrebbe oscillare tra i 220 e i 280 litri. Nel caso in cui la composizione famigliare sia molto più ampia, allora è proprio il caso si orientarsi dai 300 litri in su.

La capienza del frigorifero comporta anche la scelta di un determinato modello: monoporta, doppia porta o all'americana? Questo sarai tu a deciderlo, dopo aver valutato attentamente le tue necessità di capienza e anche di spazio fisico nel quale collocare l'elettrodomestico (quindi ricorda di prendere le misure prima di orientarti verso questo o quel modello).

Rumorosità e sicurezza

Bada bene a dove metterai il frigorifero perché se la cucina confina con la camera da letto, ti converrà sceglierne uno che sia silenzioso al massimo pena il disturbo del riposo notturno. Solitamente sono quelli no frost ad essere maggiormente rumorosi, ma questo è solo a causa della ventola che emette ronzio.

Per quanto concerne la sicurezza, invece, i refrigeratori moderni sono dotati di tutti gli optional dedicati. Molti sono dotati di sensori luminosi o acustici che indicano se il frigo non è stato chiuso bene e quindi è rimasto aperto (questo porterebbe allo scongelamento degli alimenti), mentre altri sono provvisti di sistemi anti black-out che mantengono la temperatura costante anche nel caso in cui vada via la corrente per diverse ore.

Sistema no frost

Questa tecnologia fa parte di tutti i frigoriferi di nuova generazione ormai e si caratterizza per la presenza di un solo motore e di due evaporatori per frigo e freezer. Il sistema no frost è estremamente utile perché previene la formazione della brina nel congelatore, contrasta la formazione dei cattivi odori ed elimina l'umidità. I congegni più recenti sono i refrigeratori no frost ventilati che vantano la presenza di una ventola all'interno della cella frigo e il sistema no frost nel congelatore.

Sistema di raffreddamento statico e sistema di raffreddamento ventilato

Il frigorifero funziona grazie al passaggio di un gas verso cella frigorifera e freezer per contribuire al mantenimento della temperatura ottimale. Ogni refrigeratore è dotato di un sistema di raffreddamento, che sia statico o ventilato. Quest'ultimo modello è dotato di una ventola che garantisce l'omogeneità della temperatura a tutto il vano contenitore, ma sia nell'uno che nell'altro caso lo sbrinamento non è automatico e tocca farlo manualmente almeno una volta l'anno.

Classe di consumo energetico

Quando si compra un elettrodomestico, qualsiasi esso sia, la prima cosa da capire sono le spese in bolletta che tale strumento porterà con sé. Come sai, le classi di consumo energetico sono delle unità di misura uniformi a livello Europeo che servono a capire in un anno quale sarà il consumo espresso in KWH. Si va dalle classi più efficienti, rispettose dell'ambiente ed economiche A++ a quelle che sono l'esatto opposto, ovvero le G. Valuta bene, dunque, quale sarà il tuo prossimo acquisto: è vero che la spesa iniziale potrebbe essere maggiore, ma rientrerà tutto nel giro di pochi mesi grazie alle bollette più leggere.